Jobs Act, la Consulta boccia criterio per indennità di licenziamento: “E’ contraria ai principi di ragionevolezza e uguaglianza”

Condividi!

Jobs Act, la Consulta boccia criterio per indennità di licenziamento: “E’ contraria ai principi di ragionevolezza e uguaglianza”. [Scarica gratis la App di Cronaca oggi, clicca qui]. Bocciata la norma del Jobs Act che determina le indennità di licenziamento. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale secondo la quale il contratto di lavoro a tutele crescenti è illegittimo nella parte in cui determina in modo rigido l’indennità spettante al lavoratore ingiustificatamente licenziato.  In particolare la Corte ha dichiarato illegittime le disposizioni in materia contenute nell’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n.23/2015, non modificate dal successivo Decreto legge n.87/2018, cosiddetto “Decreto dignità“.

Politica. Decreto Salvini, la Commissione europea: “Lo esamineremo”.

Rai. Al via l’audizione di Foa in Vigilanza: “Sarò garante del pluralismo”.

Esteri. L’Austria censura la stampa, ministro sotto attacco.

PoliticaMattarella al Csm: “Magistrati non rispondono a opinioni correnti ma solo alla legge”.

EconomiaAntitrust contro TicketOne: “Non fa vendere i biglietti dei concerti ai concorrenti, prezzi troppo alti”.

Cagliari. Simone Casu, 14 anni, travolto e ucciso da un’auto a Sant’Andrea Frius.

Cremona. 350 chilometri per vedere la partita del figlio: respinti. “Il chihuahua non entra“.

Pisa. Incendio Monte Serra, altra giornata di guerra. Il fronte avanza, mille ettari in fumo.

Esteri. Aerei militari, Leonardo punta al mercato africano.

Condividi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.