Torino, la maestra che ha augurato la morte ai poliziotti è indagata: il ministero propone il licenziamento

Condividi!

Torino, la maestra che ha augurato la morte ai poliziotti è indagata: il ministero propone il licenziamento
Torino, la maestra che ha augurato la morte ai poliziotti è indagata: il ministero propone il licenziamento

Torino, la maestra che ha augurato la morte ai poliziotti è indagata: il ministero propone il licenziamento. Si prospetta il licenziamento per Lavinia Flavia Cassaro, la prof che ha augurato la morte ai poliziotti. Una decisione del tutto attesa ma non così scontata. L’ufficio per i provvedimenti disciplinari può infatti licenziare il docente soltanto in questi casi: assenze ingiustificate dalla scuola, rifiuto senza motivo valido di un trasferimento disposto dall’amministrazione, falsa attestazione della presenza in servizio e altre false dichiarazioni, reiterazione nell’ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive o moleste, condanna penale definitiva in relazione alla quale è prevista l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Varese. Finanziere si toglie la vita in caserma con un colpo di pistola.

Siracusa. Luigi Venezia: l’ex carabinieri che sfuggì alla mafia, ucciso durante una rapina a Siracusa.

Tivoli (Roma). 14enne si impicca col cavo della Playstation: vittima del gioco del “blackout”.

Caos treni. Ministro Graziano Delrio scarica tutto su Fs: “Si sono sopravvalutati”.

Latina. Luigi Capasso, le figlie del carabiniere Alessia e Martina erano terrorizzate dal papà.

Usa. Levi’s, la rivoluzione del lavoro: robot al posto degli operai.

Roma. Il Tar “sfratta” il clan Spada: il Comune deve pagare 18 milioni.

Brescia. Omicidio Clara Bugna: nessuna revisione del processo per il marito condannato all’ergastolo.

RiminiMorto Rinaldo Orfei, tra fondatori Circo.

ScienzaTrovato il segnale dell’alba dell’universo. Acceso da prime stelle Apre una finestra su nuova fisica.

Condividi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.