Verona, donna fatta a pezzi nel bosco: è una marocchina. Identificazione grazie alle impronte digitali

Condividi!

Verona, donna fatta a pezzi nel bosco: è una marocchina. Identificazione grazie alle impronte digitali
Verona, donna fatta a pezzi nel bosco: è una marocchina. Identificazione grazie alle impronte digitali

Verona, donna fatta a pezzi nel bosco: è una marocchina. Identificazione grazie alle impronte digitali. E’ di una marocchina di 46 anni il cadavere ritrovato tre giorni fa in un campo nei pressi di Valeggio sul Mincio, nel veronese. La donna era in Italia da circa 20 anni, e viveva svolgendo lavori saltuari a Verona, come badante e addetta alle pulizie. Dopo essere stata uccisa, la donna è stata fatta a pezzi e data in pasto ai cinghiali. L’identificazione è arrivata grazie alle impronte digitali rilevate dal medico legale che domenica ha eseguito l’autopsia. Il cadavere, infatti, era stato abbandonato nei pressi di una base militare abbandonata.

Roma. Trovato il cadavere di una donna al Parco delle Valli.

Saldi al via. Un consumatore su due pronto a fare acquisti.

Cagliari. La coperta prende fuoco: muore carbonizzato.

Napoli. Emergenza alcol per i giovani: «Mix di fatale liquori, colpa dei genitori».

Salerno. La morte di Anna, 30 indagati: soccorsi lumaca nel mirino.

RomaSpelacchio non finirà in una discarica. L’albero di Natale che ha fatto il giro del mondo potrebbe essere esposto in un museo.

Islanda. La parità di stipendio tra uomo e donna diventa obbligatoria per legge.

ImperiaLegata e sequestrata in casa, alla Colla è caccia a quattro rapinatori.

TorinoMarco Dolfin, il chirurgo paralizzato che opera grazie a un esoscheletro: “Non chiamatemi eroe: alla passione non si rinuncia”.

Genova. Pronto soccorso, il “disastro” continua: otto ore per una visita.

 

Condividi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.