Boschi trappolona e Renzi furioso usano Visco per scassare Gentiloni. Fortuna che la Boldrini ci fa ridere un po’

Condividi!

Boschi trappolona e Renzi furioso usano Visco per scassare Gentiloni. Fortuna che la Boldrini ci fa ridere un po'
Boschi trappolona e Renzi furioso usano Visco per scassare Gentiloni. Fortuna che la Boldrini ci fa ridere un po’

Trappola di Maria Elena Boschi a Paolo Gentiloni?  Matteo Renzi ha perso la testa e si esibisce in giochetti da liceali? Lo si legge fra le righe e lo si deduce incrociando due articoli sul siluro lanciato da Matteo Renzi, nella qualità di segretario del Pd, a Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia. Secondo Renzi, Visco è colpevole delle malefatte delle banche italiane. Non nomina quali, ma tutti pensano subito a Mps, dove le varie mutazioni del Pci hanno fatto carne di porco, e a Banca Etruria, da dove più di uno schizzo ha infangato il padre della Boschi stessa. Come se uno che si butta sotto un tram desse la colpa al vigile che non lo ha fermato in tempo. “Banca Etruria è colpa di Visco”, l’ex premier Renzi insiste contro Bankitalia 

L’atto formale con cui Renzi ha dichiarato guerra a Visco è una mozione parlamentare. Molti l’hanno vista come uno sgambetto di Renzi a Gentiloni, il quale ha fatto mostra di non saperne nulla. Renzi ha controbattuto:

«Il governo non era semplicemente informato: era d’accordo. La mozione parlamentare non solo era nota al governo, ma come sa chi conosce il diritto parlamentare questa mozione prevedeva che il governo desse un parere. Che c’è stato. Ed è stato positivo. L’esecutivo è composto da persone serie, non danno parere positivo senza sapere di cosa stanno parlando. Dunque: è evidente che il governo sapesse e che anche fosse d’accordo”.

Per i titoli dei giornali, Governo è Gentiloni:

Quotidiano Nazionale:

“Gentiloni sapeva ed era d’accordo”

Repubblica:

“Gentiloni sapeva ed era d’accordo”.

Ma se leggete il testo che sostiene quel titolo, Renzi non parla di Gentiloni ma di Governo. Spiega Repubblica stessa, nella edizione cartacea (chissà perché poi nella edizione on line l’articolo non compare mentre si legge la smentita) si scrive Governo ma si deve leggere Boschi. Francesco Manacorda ricostruisce così il mistero e svela il giallo:
“A scrivere il testo della mozione Pd che attaccava il vertice di Bankitalia e chiedeva i presupposti per «una nuova fiducia nell’istituzione» – è infatti la ricostruzione che si fa a Palazzo Chigi – è stato il capogruppo del Pd alla camera Ettore Rosato con la fattiva collaborazione della sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi; proprio lei avrebbe aggiunto alcuni punti di suo pugno a una mozione che suonava come uno schiaffo a Visco e a Bankitalia. Peccato che Rosato abbia assicurato – prosegue la ricostruzione – alla presidenza del gruppo Pd che il testo fosse ovviamente noto anche al governo mentre così non era. E davvero peccato che la Boschi si sia ben guardata dall’informare i suoi compagni di governo come lo stesso Gentiloni e il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, per non parlare del Presidente della Repubblica”.
Martedì alla Camera si è spezzato il filo di fiducia che ancora teneva legato il presidente del Consiglio e il segretario del Pd, suo azionista di maggioranza.
Alla irritazione di Gentiloni si aggiunge quella del Presidente Sergio Mattarella, che già martedì pomeriggio dopo la mozione Pd con 213 voti a favore era dovuto intervenire con parole nette per sottolineare la necessità di preservare una Banca d’Italia autonoma e indipendente. E poi ci sono le telefonate preoccupate arrivate nelle stesse ore a Roma dalla Banca centrale europea e il fuoco di sbarramento che Renzi ha incontrato e incontra anche da esponenti di primissimo piano del suo partito. Ecco così che tutto sembra allinearsi per la riconferma di Visco. Questa, del resto, era già l’accordo informale raggiunto tra Palazzo Chigi e il Colle. E questo è stato forse l’innesco che ha spinto Renzi a dare fuoco alle micce.

Nei prossimi giorni, dunque, non sono da escludersi altri attacchi da parte di Renzi e nuove dimostrazioni di resistenza da parte di Palazzo Chigi. Visco, mentre anche ieri si addensavano voci interessate su un suo possibile passo indietro o sulla scelta volontaria di un mandato “a tempo” inferiore ai sei anni della legge, non ha alcuna intenzione di fare mosse di questo genere. Sa che probabilmente il suo prossimo mandato è a rischio di polemiche fortissime; è conscio che qualsiasi nuova crisi bancaria porterebbe nuovi attacchi politici contro via Nazionale – con il Pd in testa – ma non pensa che questo possa essere un ostacolo.

 

Virginia Raggi furiosa con l’Espresso minaccia querela: ma non la ha ancora fatta. La farà?

A farci ridere ci pensa la Laura Boldrini: appello ad Asia Argento: “Resta in Italia, la gente è con te”

 

A Cambridge avvertono gli studenti che nelle opere di Shakespeare e nelle tragedie greche ci sono scene di sesso e violenza…proprio come fanno in tv con certi film.

Demagogia di bassa lega. Cultura a Genova, l’affondo dell’assessore: «Tagliamo gli stipendi dei dirigenti». Se non funzionano vanno sostituiti, a pagar poco si raccolgono scarti

Parigi, all’architetto Renzo Piano una statua al Beaubourg 

Usa. Spari in un ufficio: 3 morti, scuole chiuse. Killer in fuga.

Marina di Massa. Sparatoria per il parcheggio in strada: arrestato Luca De Angeli.

Siena. Pier Luigi Carli morto in incidente di caccia: colpito dall’amico.

Usa. Prova a uccidere un ragno con la fiamma ossidrica e dà fuoco alla casa.

BariCoppia gay pestata a Bari, 2 arresti. L’aggressione è del giugno scorso. Denunciato un minorenne.

Igor il russo. Verso archiviazione denuncia famiglia Verri: “Non potevamo sapere fosse lì”.

Mornese (Alessandria). Arrestato Livio Mazzarello: deve al fisco inglese 46mln di sterline.

Sassari. Gian Franco Sabino, trovato il cadavere del sub scomparso tra Argentiera e Porto Palmas.

Roma. Archiviata inchiesta su vigili urbani accusati di aver taglieggiato commercianti.

Monza. Inseguito dai carabinieri spara un colpo in strada: arrestato.

Napoli. Bersagliata dai ladri si barrica in negozio per protesta.

Albenga (Savona). “Cittadini stanchi” in supporto alle forze dell’ordine. Gli albenganesi appartenenti al Comitato faranno da “sentinelle” per segnalare episodi che minacciano la sicurezza pubblica.

TorinoIl ritorno del crack fa paura: “È diffusissimo e costa poco”
Gli esperti del Sert: conquista i giovani, 6 nuovi pazienti su 10 ne fanno uso.

Condividi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.