La Stampa si ribella al conformismo, sfida Repubblica e chiama ministro la Fedeli

La Stampa si ribella al conformismo, sfida Repubblica e chiama ministro la Fedeli
La Stampa si ribella al conformismo, sfida Repubblica e chiama ministro la Fedeli

La Stampa si riconverte: la Fedeli ritorna “ministro”, come vuole la lingua italiana. Ecco i titoli di Stampa e Secolo XIX di venerdì 14 luglio 2017:

Il ministro Valeria Fedeli in visita al campus universitario di Legino 

Il ministro Fedeli: “No allo sciopero dei prof ma sbloccherò gli stipendi”

Non è una svista della redazione ma una scelta giusta del giornale. Anche la corrispondena di Silvia Campese da Savona attacca così:

“È un messaggio di distensione al mondo degli atenei quello che il ministro Valeria Fedeli, ha lanciato ieri pomeriggio, ecc.ecc.”.

La Fedeli, già sbeffeggiata, un po’ razzisticamente, perché ha taroccato il suo curriculum spacciandosi per laureata, si era coperta di ridicolo chiedendo a un giornalista senza troppa dignità di chiamarla “ministra” e non “ministra”. Lui si è scusato e corretto. Ne era scaturito un delizioso pezzo di Silvia Truzzi che aveva definito il femminismo della Fedeli e della Boldrini “femminismo d’accatto”.

Erano insorte anche le cozze, che a questo punto pretendevano che il maschio fosse chiamato cozzo. Il malumore serpeggiava anche fra le giornaliste, secondo alcune di loro il giornalista maschio si dovrebbe chiamare giornalisto. Non parliamo dell’opera, dove la confusione di genere fra soprano e femmina è aggravata da secoli di transgender imperiale e pontificio.

La scelta della Stampa, dignitosa e coraggiosa, segna una svolta e anche un punto di potenziale conflitto con la ormai sorella Repubblica, che invece prosegue coerente e ossequiente con la linea Boldrini.

Emergenza profughi, Gentiloni zitto zitto… primi blocchi in Libia . Intanto Renzi fa litigare i preti. La Chiesa si divide.
sull’«Aiutiamoli a casa loro». L’ineffabile e sempre più dannoso (per Papa Francesco) Galantino attacca Renzi (
«Aiutarli a casa loro non basta») e costringe il segretario di Stato Parolin a bacchettarlo. Si tratta della seconda persona più importante nella Chiesa cattolica romana dopo il Papa. Galantino è segretario dei vescovi italiani, Parolin ha competenza mondiale.

La Cina smentisce l’assioma che l’economia cresce meglio in regime di libertà.  Se volete una buona analisi leggete questo commento di Gianni Riotta sulla Stampa. Il titolo è da ricorrenza funebre ma il testo è raccomandabile. L’occasione persa del governo di Pechino

Incendi. Vigili del fuoco denunciano: “Mezzi vecchi e guasti, elicotteri non autorizzati a volare”.

Australia. Autista Uber violenta una sedicenne nella sua auto, secondo caso in una settimana. L’arresto arriva una settimana dopo che un altro tassista di Uber è stato accusato di aver violentato un’altra passeggera. Le due aggressioni non sono collegate.

Roma. Donna aggredita a colpi di cellulare in faccia da una rom di 9 anni.

Manzano (Udine)Si getta sotto un treno merci nella stazione di Manzano.

Usa. Ventenne uccide 4 coetanei, resti in fattoria di famiglia nelle campagne della Pennsylvania.

PortogruaroTre adulti contagiati dal morbillo, ricoverati in due: non erano vaccinati.

Rispondi