Renzi annuncia: si voterà nel 2018. C’è da fidarsi?

Renzi annuncia: si voterà nel 2018. C'è da fidarsi?
Renzi annuncia: si voterà nel 2018. C’è da fidarsi?

Le polemiche forse sono finite o forse no. Renzi ha dichiarato che per lui si va a votare nel 2018, alla normale scadenza della legislatura e che il Pd è impegnato in un sostegno leale e corretto al governo Gentiloni.

Dunque fino al voto sarà leale sostegno al governo Gentiloni.

Ora si tratterà di vedere se saranno tutti d’accordo. Grillo  probabilmente ricomincerà a fare confusione. Ha paura che il Movimento gli si sfarini fra le mani prima di arrivare alle urne.

Un estratto della sua dichiarazione:

Personalmente sono dispiaciuto per i toni di queste ore ma sento il dovere di dire grazie al capogruppo del PD Ettore Rosato e al relatore Emanuele Fiano.

Hanno fatto di tutto – lavorando giorno e notte con dedizione – per approvare una legge con il consenso degli altri partiti.

Non è la nostra legge ma noi serviamo le istituzioni. Adesso è sovrano il Parlamento. Se passerà, bene.

Se qualcuno si tirerà indietro, gli italiani avranno visto la serietà del PD che ha risposto all’appello del Capo dello Stato.

E sulle elezioni: abbiamo detto che per noi si va al 2018, chiedendo di continuare sulla strada tracciata nelle ultime leggi di bilancio.

Rispondi