Il ministro Franceschini non rispetta la legge, il Tar lo boccia e lui…

Il ministro Franceschini non rispetta la legge, il Tar lo boccia e lui...
Il ministro Franceschini non rispetta la legge, il Tar lo boccia e lui…

Dario Franceschini, ministro della Cultura. bocciato dal Tar. Non poteva nominare direttori di musei che non fossero cittadini italiani. Lui si dice “senza parole” ma ci doveva pensare prima.

I giudici, che hannno accolto il ricorso di un italiano escluso, sono stati chiari:

“Il bando non poteva ammettere la partecipazione al concorso di cittadini non italiani in quanto nessuna norma derogatoria consentiva al Mibact di reclutare dirigenti pubblici al di fuori delle indicazioni, tassative, espresse dall’art. 38 d.lgs. 165/2001″; anche perché «”se il legislatore avesse voluto estendere la platea degli aspiranti ricomprendendo anche cittadini non italiani lo avrebbe detto chiaramente”.

Se il ministro non rispetta la legge, ha poco da scandalizzarsi.

Reazione negativa un po’ da tutte le parti. Pare che i direttori stranieri si siano rivelati più capaci di quelli italiani. Lo ha scritto Marco Menduni sulla Stampa di Torino. Però ha dato conto solo dei risultati dei 7 direttori stranieri. Come abbiano performato i 13 direttori italiani non ce lo dice. Scelta giornalistica non felice, che induce in tentazione anche i bravissimi di Blitz e non ci toglie il dubbio che anche i musei a direzione italiana si siano comportati con onore.

Tanti sono i dubbi che sorgono in chi legge con un po’ di spirito critico quelle righe, da cui traspare, nella fonte del giornalista, un probabile intento propagandistico.

Certo, i dirigenti statali italiani, di cui quelli dei musei sono parte, anche se individualmente possono anche essere persone eccezionali, come dirigenti sono una catastrofe, come dimostra il disastro in cui viviamo. Non è forse nemmeno colpa loro, è la burocrazia, è la priorità di pararsi il culo rispetto ai risultati. Sono le leggi, sono i partiti che comandano a determinarne mentalità e azioni o non azioni conseguenti.

Non avendo termini di confronto per i musei, che gli stranieri siano più bravi degli italiani lo dice solo Menduni. Nessuno ci toglie dalla testa il fatto che nel 2017 il turismo ha cambiato rotte, le città italiane sono invase da turisti di tutte le borse, persino Genova è diventata meta turistica, anche i genovesi si esaltano per il loro boom.

Un test è il Pantheon di Roma. Fino a poco tempo fa, ci si entrava liberamente come in una qualsiasi chiesa (cosa che è), a qualsiasi ora del giorno. Ora la coda per accedervi arriva fin quasi all’obelisco al centro della piazza. Siamo a incrementi di gran lunga superiori a quelli degli Uffizi di Firenze.

Afragola (Napoli). Salvatore Caputo freddato in auto.

Teramo. Allarme bomba: evacuato il liceo Einstein.

Torino. Tagli sulle braccia, la salvano gli amici: “È un rito suicida”, sospetto caso di Blue Whale,

Francia. Incendio a Marsiglia: quattro morti. Tra loro, due donne di una trentina d’anni e un bambino di circa 6 anni.

Brasilia (Brasile). La folla assalta i ministeri: il governo schiera l’esercito.La decisione presa contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale.

Attentato Manchester. Altri due arresti per la strage. Stesso esplosivo Parigi e Bruxelles. Mille soldati a Londra, presidiata Downing Street. Si segue la pista libica. Abedi a Dusseldorf quattro giorni prima dell’attentato.

Roma. 5 bambine rom accerchiano e derubano un turista: fermate.

Borgo Mezzanone (Foggia). Nordafricano del Cara scippa anziana: abitanti in rivolta.

Milano. Il saluto romano al Cimitero Maggiore di Milano del “cappellano dei camerati”. Durante la sua orazione, finita su Youtube, il sacerdote ha definito il neofascista un “eroe della solidarietà”.

Reggio Calabria. Don Giorgio Costantino, il sacerdote aggredito a Reggio Calabria si è svegliato dal coma.

Roma. Trump a Roma, funzionari Usa lasciano documenti in auto e i ladri li rubano.

Giacarta (Indonesia). Due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti. Decine di feriti. In affollato quartiere. ‘Brandelli umani e sangue dappertutto’.

Campobello di Mazara (Trapani). Vincenzo Balsamo, pescatore sportivo, disperso.

Pechino (Cina)Tensione tra Cina e Usa: nave americana nelle acque delle isole artificiali Spratly. Pechino protesta.

Roma. Un arresto per estorsione e sequestro di persona.

Napoli. Rolex d’oro e Ferrari, ecco la vita del baby boss che ha ucciso a 15 anni. Pubblicava su Facebook le sue foto come un divo: ha architettato ed eseguito
l’omicidio di due persone. Ritratto anche in spiaggia che stappa champagne.

 

 

Rispondi