60 senatori fuori dal mondo vogliono proibire di sorpassare i ciclisti a meno di un metro e mezzo di distanza

Vogliono proibire di sorpassare i ciclisti a meno di un metro e mezzo di distanza: la foto mostra come i ciclisti provocano il caos nelle strade
Vogliono proibire di sorpassare i ciclisti a meno di un metro e mezzo di distanza: la foto mostra come i ciclisti provocano il caos nelle strade

Per un pugno di voti di quelli che vanno in bicicletta, 60 senatori sottoscrivono un disegno di legge fuori dal mondo, prima firma quella di Michelino Davico (Gal) . Vogliono multare gli automobilisti che superano un ciclista a una distanza inferiore al metro e mezzo. Chi lo misura il metro e mezzo? Proposta di un senatore con 60 firme: multe fino a 651 euro. Sul Gazzettino di Venezia ampi dettagli. La proposta di legge ha il numero 2658, è stata ribattezzata “salvaciclisti” e è stata subito assegnata all’esame della competente commissione del Senato. Stando alla relazione che accompagna il ddl, secondo le statistiche ogni anno in media muoiono circa 250 ciclisti , oltre 16mila rimangono feriti, “con un indice di mortalità pari ad 1,43 (contro lo 0,67 delle autovetture) e un indice di lesività pari a 94,23 (contro il 65,05 delle autovetture) (dati Istat, 2016)”.

I numero sono incontestabili ma la verità che sta loro dietro è ben diversa da quella che vedono i senatori pro ciclisti. Sono i ciclisti che non devono circolare fuori dei recinti. Sono i ciclisti che girano in città da incoscienti, spesso contromano, senza rispettare le regole, convinti della impunità dell’anonimato. Spesso non hanno luci ma circolano di sera impuniti, a volte con bambini a bordo. Sfrecciano sui marciapiedi. Da quando un anonimo funzionario del Ministero, all’insaputa del suo stesso ministro, ai tempi del Governo Monti, il peggiore della storia della Repubblica, fece intravvedere la possibilità, mai concessa, di poter circolare contromano, il contromano è un must. Non vogliono assicurazione, non vogliono targa. I vigili assistono impotenti. Come fanno a fermarli? Senza targa, filano via facendosi beffe di ogni regola. Se al Nord ci sono dei corpi di polizia municipale che cercano di fare il loro dovere (51 ciclisti multati in un anno a Legnano, 150 a Milano, poca roba ma meglio di niente), da Roma in giù è il caos.

I ciclisti costituiscono una lobby aggressiva e violenta. Ogni articolo che metta in discussione i loro privilegi è accolto da contumelie e insulti.

E a questi che gli fate? Rompe il parabrezza dell’auto con la bici

Autovelox: multa valida se segnalato entro 4 km. Lo dice la Corte di Cassazione

Cinema. “Life” video – recensione: tre buoni motivi per vederlo

Luzzara (Reggio Emilia). Muore il giorno dopo le nozze: «Non stava bene, poi è caduta a terra» . Barbara Cocconi aveva coronato il suo sogno d’amore a 42 anni. Il viaggio di nozze alle Canarie, la morte: la felicità è durata meno di un giorno.

Conegliano, lei, 20 anni era incinta di sei mesi, lui, 19 anni, voleva che abortisse. L’ha colpita con un sasso, lei si è difesa, ha difeso la sua creatura in grembo, poi lui ha usato Il foulard come corda e l’ha strozzata. Prima di nascondere il cadavere, lui le ha tolto la collanina e l’anellino d’oro, li ha venduti e i soldi li ha persi al videopoker. Giorgio Barbieri riferisce sulla Tribuna di Treviso che l’autopsia conferma: la ragazza aveva in grembo un feto maschio, era al sesto mese.  Solo ferita dai colpi di pietra, ha lottato disperatamente prima di arrendersi

FerraraAccoltella il padre di 80 anni dopo una lite in casa: è grave

Marco Bellavia contro Paola Perego: “Lacrime di coccodrillo, mi scagliò contro rabbia e cattiveria

Se queste sono bufale…Il Fatto Quotidaino e la “multa di 500 euro a chi fa le puzze in pubblico”

Anzio, in sei sollevano la saracinesca e fuggono con le slot machine

Una risposta a “60 senatori fuori dal mondo vogliono proibire di sorpassare i ciclisti a meno di un metro e mezzo di distanza”

  1. In primo luogo, fuori dal mondo siete voi:
    voi che non si rendono conto che i ciclisti non inquinano, distruggendo l’aria, che i ciclisti non ostacolano il transito nelle strade, che tutti noi saremmo stati più salutare senza il dio-macchina.
    Chi lo misura il un metro e mezzo? è, davvero una buona domanda, essendo considerato che i camionisti attuali non sanno nemmeno deviare dei ciclisti, che le macchine non hanno freno né volante…
    I numeri sono incontestabili: tempo fa che vediamo tutti i giorni, i ciclisti che passano sopra i tir, gli autobus… avete ragione, i ciclisti sono violentissimi! sono in grado fino di rompere i parabrezza, con le proprie ossa…
    Ma abbia pietà!!!

Rispondi